Gli strumenti di lavoro dell'imprenditore

 

Bilancio di massa nelle produzioni agroalimentari

  • Il bilancio di massa rappresenta uno strumento di controllo finalizzato alla verifica dei flussi di materiale in entrata e in uscita per gli operatori del settore alimentare (OSA). Contrariamente alla rintracciabilità, strumento previsto dal Reg. CE 178/2002, il bilancio di massa non è obbligatorio, ma trova realizzazione nelle aziende alimentari e si accompagna alla rintracciabilità. I 3 casi più diffusi per i quali emerge la necessità di redigere il bilancio di massa riguardano aziende che operano nei seguenti settori:
    • prodotti biologici;
    • prodotti DOP o IGP;
    • prodotti certificati Global Gap (sinonimo si sicurezza integrata in agricoltura).
  • Il bilancio di massa si diversifica dal c.d. inventario poiché si formerà sulla scorta delle componenti attive e passive e dei resi.
  • Elementi attivi del bilancio di massa:
    • giacenze iniziali;
    • acquisti;
    • produzioni;
    • resi.
  • Elementi passivi del bilancio di massa:
    • vendite;
    • scarti;
    • ingressi in produzione;
    • resi.
  • Metodo di calcolo - La differenza tra gli elementi attivi e quelli passivi ci darà la giacenza contabile. Il valore andrà confrontato con la giacenza fisica effettiva. La differenza misura la validità del sistema produttivo.