Gli strumenti di lavoro dell'imprenditore

 

Bonus vacanze (lato esercenti)

  • Il Decreto Rilancio ha istituito una nuova agevolazione per l’anno 2020 in favore delle famiglie con ISEE in corso di validità non superiore a € 40.000, da utilizzare per il pagamento di servizi offerti in Italia da imprese turistico ricettive, agriturismi e bed & breakfast. Il bonus è fruibile nella misura dell’80% sotto forma di sconto per il pagamento dei servizi prestati dal fornitore e per il 20% come detrazione di imposta in sede di dichiarazione dei redditi. Lo sconto praticato è recuperato dal fornitore sotto forma di credito d’imposta utilizzabile in compensazione senza limiti di importo, attraverso il modello F24.
  • Effettuazione dello sconto - Al momento del pagamento del servizio presso la struttura ricettiva, l’esercente verifica la validità del bonus tramite accesso all’area riservata del sito web dell’Agenzia, inserendo il codice univoco o il QR-code fornito dal fruitore, il codice fiscale del fruitore e l’importo del corrispettivo.
    • Il sistema conferma la validità del bonus e l’importo fruibile come sconto dal nucleo familiare e l’operatore conferma a sistema lo sconto praticato.
  • Recupero dello sconto - Gli sconti praticati sono recuperati sotto forma di credito d’imposta, da utilizzare in compensazione su modello F24 dal giorno successivo all’applicazione dello sconto.
    • L’esercente può cedere il credito d’imposta (in tutto o in parte) a terzi, anche diversi dai propri fornitori, compresi gli istituti di credito e gli intermediari finanziari.
    • La cessione deve essere comunicata all’Agenzia mediante apposita procedura web nell’area riservata.