Gli strumenti di lavoro dell'imprenditore

 
BANCHE 23/03/2020

Coronavirus e segnalazioni alla Centrale rischi

  • In relazione all’emergenza coronavirus, il D.L. 2.03.2020, n.9 (artt. 49 e 56), l’ordinanza del Presidente del Consiglio 29.02.2020, n. 642, nonché gli accordi tra l’ABI e le Associazioni d’Impresa stabiliscono disposizioni straordinarie in materia creditizia per professionisti e imprese.
    • Segnalazione - Le sospensioni del pagamento delle rate non verranno segnalate come eventi negativi di mancato pagamento.
    • Sospensione - L’attivazione delle sospensioni deve essere richiesta dall’interessato direttamente al proprio istituto di credito.
    • Fondo garanzia Pmi - In analogia, la circolare 11.03.2020, n. n. 5/2020 del Consiglio di Gestione del Fondo di Garanzia per le Pmi rende noto che, nel dare assenso a sospensione e allungamento di mutui e finanziamenti alle Pmi danneggiate dall’epidemia, già garantite dal Fondo, non si terrà conto del merito creditizio dell’impresa.
  • Di seguito, le principali novità della moratoria bancaria Covid-19:
    • richiesta: Pmi e professionisti con prestiti o linee di credito in essere, devono fare domanda alla propria banca; le spese di istruttoria sono a carico della banca e il richiedente non deve avere crediti già classificati come deteriorati;
    • affidamenti: le linee già concesse non possono essere revocate fino al 30.09.2020; il pagamento delle rate dei finanziamenti deve essere riscadenzato con accordo tra le parti o sospeso almeno fino al 30.09.2020; le spese di istruttoria sono a carico della banca;
    • delibera: la banca, al ricorrere dei requisiti, è tenuta a deliberare la sospensione;
    • segnalazioni: la moratoria è neutrale rispetto ai rating della banca sulla qualità del credito, quindi non determina un automatico peggioramento del merito creditizio dell’impresa;
    • sconfini: la banca deve fermare il computo dei giorni di sconfino e di insoluto, per evitare il protrarsi della segnalazione o il suo avvio.