Gli strumenti di lavoro dell'imprenditore

 

Credito d'imposta locazioni 2020-2021

  • Il credito locazioni spetta alla generalità dei contribuenti (esercenti attività d'impresa, arte o professione con ricavi 2019 non superiori a € 5 milioni) nel limite dell'importo effettivamente pagato e nella seguente misura:
    • 60% del canone di locazione, leasing o concessione;
    • 30% del canone di contratti di servizi a prestazioni complesse o di affitto d'azienda.
  • I mesi di riferimento hanno prima riguardato il periodo marzo/maggio 2020. Successivamente, è stato introdotto il mese di giugno 2020 (utilizzabile solo post approvazione Ue, con la decisione 28.10.2020, n. 7595, pubblicata il 13.11.2020). Chi avesse utilizzato il credito relativo al mese di giugno prima di tale approvazione, deve versare una sanzione del 30% del credito utilizzato, con possibilità di ravvedimento operoso.
  • Le imprese turistico-ricettive possono fruire del credito relativo ai canoni da marzo 2020 (o aprile 2020 se stagionali) ad aprile 2021 (L. 178/2020), indipendentemente dal volume di ricavi 2019 (quindi, anche superiore a 5 milioni di euro), così come le agenzie viaggio e i tour operator. Per le imprese turistico-ricettive, la misura del credito è incrementata al 50% (al posto del 30%).
  • Attività interessate dalle restrizioni di novembre 2020 di cui all'allegato 1 e 2 del Decreto Ristori: le aliquote rimangono invariate, ossia pari al 60% e 30%, ma i mesi di riferimento sono marzo, aprile, maggio, giugno, ottobre, novembre e dicembre 2020.
  • Calo di fatturato - La condizione per fruire del credito locazioni è che il fatturato/corrispettivi del mese X/2020 sia almeno inferiore al 50% del mese X/2019 e questo riferimento vale anche per i mesi 2021, ossia il mese X/2021 deve essere almeno inferiore al 50% del mese X/2019 (e non X/2020). La verifica del fatturato non deve essere effettuata da coloro che hanno domicilio fiscale/sede operativa in un Comune in stato di emergenza in essere quando è iniziato lo stato di emergenza da Covid-19, nè da coloro che hanno iniziato l'attività a partire dal 1.01.2019.
  • Il credito può essere utilizzato con 3 modalità:
    • in compensazione direttamente dall'affittuario (e in tal caso non sono previsti limiti temporali per l'utilizzo);
    • in sede di dichiarazione dei redditi;
    • può essere ceduto, tra gli altri anche al locatore. La cessione deve essere effettuata entro il 31.12.2021, termine entro cui il cessionario/locatore può utilizzare il credito ceduto.
  • La cessione avviene attraverso un modello che il cedente deve inviare attraverso i canali telematici dell'Agenzia delle Entrate. Il codice tributo del credito da locazioni maturato e utilizzato direttamente dal locatario è 6920; quello del cessionario è 6931.