Gli strumenti di lavoro dell'imprenditore

 
ESTERO 26/07/2021

Omaggi e campioni gratuiti all'estero

  • Le 3 fattispecie - La disciplina Iva della cessione di beni senza corrispettivo contempla le seguenti 3 fattispecie:
    • cessioni gratuite di beni a titolo di omaggio (art. 2, c. 2, n. 4, D.P.R. 633/1972);
    • cessioni gratuite di campioni di modico valore appositamente contrassegnati (art. 2, c. 3, lett. d) D.P.R. 633/1972);
    • cessioni di beni a titolo di sconto, abbuono o premio (art. 15, c. 1, n. 2, D.P.R. 633/1972).
  • Le casistiche di maggior riscontro anche per le transazioni in ambito internazionale possono essere riassunte come segue:
    • cessione gratuita di beni la cui produzione o il cui commercio rientra nell’attività propria dell’impresa. La disciplina prevede che non è considerata cessione ai fini Iva l'operazione riguardante campioni gratuiti di modico valore appositamente contrassegnati;
    • cessione gratuita di beni la cui produzione o il cui commercio non rientra nell’attività propria dell’impresa. In base alla normativa nazionale, tali operazioni sono soggette a Iva.
    • Le cessioni extracomunitarie sono individuate come cessioni all’esportazione e non risultano imponibili ai sensi dell’art. 8, D.P.R. 633/1972.
  • Esempio 1: invio beni non oggetto di attività d’impresa - la cessione non è imponibile ai fini Iva ai sensi dell’art. 2 del D.P.R. 633/1972, ma si dovrà documentare la consegna dell’omaggio al cliente al fine di procedere alla deduzione del costo sostenuto per l’acquisizione del bene che viene traslato quale oggetto di rappresentanza.
  • Esempio 2: invio beni (destinazione UE) oggetto di attività d’impresa: l’operazione è assoggettata a Iva, posta a carico del cedente. L’unica accortezza da utilizzare riguarda l’evenienza che non si voglia rendere noto il valore dell’omaggio al destinatario: in tal caso, anziché emettere fattura di vendita, si potrà provvedere esclusivamente con autofattura; il bene sarà accompagnato solo da un documento di trasporto.
  • Esempio 3: invio beni (destinazione extra-UE) oggetto di attività d’impresa: la cessione dell’omaggio non è imponibile ai fini Iva, costituendo una cessione all’esportazione ai sensi dell’art. 8 del D.P.R. 633/1972; si dovranno comunque seguire gli adempimenti doganali correlati alla fuoriuscita del bene omaggiato dal territorio doganale.