Gli strumenti di lavoro dell'imprenditore

 

Proroga al 15.12 per il fondo ristorazione

  • Prorogato al 15.12.2020 il termine ultimo per presentare le domande di accesso al fondo per la filiera della ristorazione. Più tempo nella speranza che alcuni punti dubbi vengano chiariti.
  • Fatture pagate in contanti - Una delle FAQ pubblicate sul Portale della ristorazione richiede se si può fruire del contributo allegando fatture pagate in contanti (se di importo inferiore a 2.000 Euro); la risposta che viene data è Sì: sono consentiti ma solo se le fatture sono presentate già quietanzate in fase di presentazione della domanda.
  • Per quietanza si intende l'evidenza che il creditore rilascia al debitore circa l'avvenuto pagamento della fattura.
  • Per le fatture che presentano l'apposizione di un timbro o altra evidenza attestante l'avvenuta quietanza, è necessario abbinare il “Modulo Dichiarazione di pagamento tracciabile”.
  • Per le fatture che non presentano tale timbro o evidenza si deve allegare il “Modulo di quietanza”.
  • Modulo di quietanza: prevede una dichiarazione firmata da entrambe le parti (fornitore e richiedente il beneficio) per dichiarare le fatture interamente pagate, inserendo il numero di fattura, partita Iva dell'acquirente, mezzo di pagamento tracciabile. Ma il contante non è considerato un mezzo di pagamento tracciabile. Si ritiene quindi vada comunque inserito il termine “contanti” indicando il rispetto della soglia dei 2.000 Euro.
  • Altra valutazione va svolta sui prodotti prioritari. Prodotti a vendita diretta e prodotti della filiera nazionale integrale, per esempio, non vi rientrano; il decreto MIPAAF-MEF del 27.10.2020 dispone che siano prioritari solo i prodotti i prodotti DOP e IGP e i prodotti a rischio spreco, classificati con RS nella Tabella dell'Allegato 1 al Decreto 27.10.2020. Le istanze dei soggetti beneficiari contenenti questi prodotti sono da considerare prioritarie.